Cosa vedere a Foligno

Foligno

Foligno è un comune dell’Umbria situato sulle rive del fiume Topino, che attraversa la Valle Umbra. Fondata dagli Umbri, gli antichi abitanti di questo territorio, fu poi dominata dai Romani e dai Longobardi. Bombardata durante la seconda guerra mondiale, Foligno conserva un importante patrimonio artistico medievale.

Situata a metà strada tra le più note Perugia e Assisi, Foligno è un’ottima meta da scoprire anche per chi ha poco tempo a disposizione! A differenze della maggior parte dei comuni umbri, Foligno è situata in zona pianeggiante, caratteristica che rende la città molto piacevole da visitare in bici o a piedi.

Foligno: l’itinerario ideale

Il tour ideale della città inizia in Piazza della Repubblica, accanto a Piazza Duomo: qui sorgono la Cattedrale romanica di San Feliciano, il Palazzo Comunale del XIII secolo, il Palazzo Pretorio, il Palazzo Orfini del XVI secolo e il Palazzo Trinci. La Cattedrale è stata recentemente restaurata e si può ammirare sulla facciata un bellissimo box e un rosone sormontato da un mosaico.

Sul lato opposto della piazza si può vedere il municipio, costruito nel XIII secolo, ma arricchito con una facciata neoclassica all’inizio del XIX secolo.

Da notare anche il Palazzo dei Trinci , famiglia che ebbe il predominio a Foligno fino al 1439. Questo palazzo fu completato nel 1407 ed è un’opera d’arte di grande importanza, soprattutto per la grande quantità di affreschi e decorazioni, anche se alcuni di essi sono oggi perduti. All’esterno è notevole anche il cortile gotico con le sue logge e uno scalone a tre rampe coperto con volte a crociera. Attualmente l’edificio ospita la Pinacoteca Civica.

Le collezioni della Pinacoteca di Foligno comprendono vari affreschi, pale d’altare e dipinti, per lo più di maestri locali come Nicolò di Liberatore (1430-1502); Pierantonio Mezzastris (attivo tra il 1507 e il 1533); e Dono Doni (1500-1575).

Si prosegue lungo Via Garibaldi, dove si trova la Chiesa di San Salvatore (con facciata trecentesca) e l’interno ristrutturato dal Vanvitelli. Da vedere anche la Chiesa e l’Oratorio della Nunziatella, edificati nel 1494 dal vescovo Luca Cybo (1489-1522).

Lungo Via Mazzini si incontra Piazza San Domenico, che racchiude uno degli edifici religiosi più antichi di Foligno: la Chiesa di Santa Maria ‘Infraportas’ dell’XI secolo, ricca di bellissimi affreschi rinascimentali.

La chiesa esterna ha un imponente campanile, mentre l’interno è a tre navate, in gran parte decorato da pittori locali e conserva ancora rari affreschi in stile bizantino.

Da non perdere il celebre monastero di Sassovivo, a 6 km dal centro di Foligno. Costruita nell’XI secolo dai monaci benedettini, l’abbazia conserva un chiostro in stile romanico del XIII secolo: presenta 58 arcate sorrette da 128 colonnine di marmo, alcune tortili e altre a spirale, munite di archetti marmorei sopra i quali vi è una cornice in stile classico decorata con mosaici.

Per gli amanti dell’arte e della natura Foligno riserva tante altre piacevoli sorprese, ad esempio il famoso Parco dei Canapés che è un antichissimo parco risalente al Settecento. Durante l’estate, nei mesi di giugno e settembre, si svolge la Giostra della Quintana, festa folcloristica che mette in scena l’antico torneo cavalleresco.

Al di fuori delle mura cittadine, la regione offre numerose attrattive culturali, come alcuni scavi che hanno recentemente portato alla luce nuove scoperte folignate. Non perdere l’occasione di gustare anche alcuni dei prodotti locali come funghi e tartufi.