Articolo illuminante del New York Times, specie a pagina 2 dove dice (traduzione mia):

nonostante un passo [di Fini, ndt] veso una maggiore apertura, è probabile che il posto [la presidenza di AGCOM, ndt] andrà a qualcuno con più agganci

Ecco. È esattamente questo che non posso più sopportare: il metodo per cui alla fine c’è sempre un amico, un servo, un’amante, un cugino, un figlio (magari tonto) da piazzare.

Basta. Que se vayan todos.

Fai qualcosa di governo, Monti! Quintarelli Presidente AGCOM.

Share This

Share This

Share this post with your friends!